orto1
orto2

Il progetto “ ORTO” per gli utenti del CSE si propone di creare uno spazio di espressione personale, sociale e prelavorativo; L’attività vuole essere anche una risposta concreta alla domanda spesso espressa dalle famiglie dei disabili medio-lievi, per i quali l’essere impegnati in ambiti professionalizzanti e quindi apprendere competenze spendibili anche in campo lavorativo appare inaccessibile data la carenza di strumenti culturali e di prassi organizzative e burocratiche adeguate a supportare l’inserimento dei disabili.

Il progetto vuole superare la logica assistenziale, diminuendo la distanza tra il disabile e la comunità di appartenenza e aumentare la qualità delle relazioni interpersonali. La realizzazione dell’orto e la gestione affidata ai ragazzi permette il concretizzarsi di un attività professionalizzante.

L’attivita dell’orto prevede una serie di step:
1) Preparazione del terreno da seminare; vangatura e concimazione.
2) Semina
3) Cura dell’orto: pulizia dell’ erba, innaffiatura, predisposizione di bastoni di sostegno.
4) Raccolta e vendita.
5) Seconda semina di insalate e rucola.

 I ragazzi saranno impegnati manualmente in tutti gli step elencati sopra e ognuno avrà degli obiettivi diversi e diversificati in base alle proprie abilità. La Commercializzazione degli alimenti prodotti e trasformati ha come fine di restituire elementi di verità al contesto educativo e un sostegno economico per le spese di gestione; è inoltre importante per i ragazzi che ci sia un riscontro concreto del proprio lavoro,quale può essere quello risultante dalla gestione della vendita dei prodotti.

Attraverso la vendita dei prodotti i ragazzi, non solo potranno responsabilizzarsi per il proprio lavoro, ma potranno trarre una reale soddisfazione personale; essi inoltre si troveranno ad utilizzare regolarmente il denaro con l’obiettivo di raggiungere maggiore sicurezza e competenza.

Il progetto si pone inoltre l’obiettivo di ampliare le relazioni con persone nuove, di favorire l’integrazione nel territorio, rendere visibili le abilità dei ragazzi.