zeus10incorso copia

10 ANNI DI ZEUS!

3° Bando Cultura 2015 - Fondazione della comunità Bresciana

Il progetto intende organizzare cicli d’incontri itineranti ed eventi di presentazione della rivista Zeus!, interamente scritta e disegnata da persone disabili, che da dieci anni sfida il mercato e i luoghi comuni per ridurre i pregiudizi e l’emarginazione delle persone con disabilità. Il progetto vuole dare massima diffusione alla rivista incrementandone la tiratura (ad oggi di 500 copie di cui circa 250 abbonati). L’engagement di nuovi lettori passerà da un tour nelle biblioteche della provincia di Brescia (con tappe fuori provincia), una festa e un convegno. Questo progetto vuole essere l'ulteriore passaggio strategico, dopo il teatro e l’utilizzo dei social media, per sostenere il dispositivo pedagogico-culturale Zeus!. Dietro la rivista c’è un mondo e un approccio relazionale ed educativo importante e un breve documentario lo racconterà e traghetterà i redattori disabili fuori dai confini della Valle Camonica.

Il Cardo da 10 anni pubblica la Rivista bimestrale Zeus!. Una rivista scritta ed illustrata interamente da persone con disabilità grave e medio grave che frequentano i servizi della cooperativa. Il termine handicappato o disabile porta con sé ancora oggi, nell’immaginario culturale, le stigmate di una sottrazione, di un appiattimento della persona e la successiva commiserazione. La rivista nasce e si batte, numero dopo numero, per dimostrare il contrario: ogni appiattimento dipende dalla luce che non puntiamo, dalla relazione che non attiviamo, dalle domande che non facciamo.
I racconti senza filtri di Zeus! non vengono da un mondo parallelo e i redattori della rivista non sono marziani: essi vivono in mezzo a noi e lasciano segni e parole su fogli che vanno in pasto agli abitanti abili e viventi di questa terra. Il nostro compito, da editori, è rendere quei contenuti accessibili per ridurre i pregiudizi.

Il progetto si pone l’obiettivo di abbattere i pregiudizi sulla disabilità diffondendo Zeus! e la sua cultura che valorizza la persona. La promozione della rivista avverrà con eventi, incontri, feste e materiale audiovisivo.
Cercheremo nuovi lettori in un lungo tour nelle biblioteche e con un evento/convegno. Questo avverrà in modo professionale grazie alla consulenza di due fornitori: una cooperativa sociale, Il Leggio, che si occupa di servizi culturali e gestione di servizi bibliotecari e StoryFactory, la prima realtà italiana di Corporate Storytelling. Per il documentario ci avvarremo di due documentaristi quali Giorgio Affanni e Andrea Grasselli.